evento, News , ,

14 Giu

COMUNICATO STAMPA

“A lezione d’Opera” in azienda con il tenore Miro Solman.
Il 17 giugno a Gruaro presso lo showroom Oikos.

Oikos Venezia conferma la sua sensibilità per l’arte e la cultura proponendo anche quest’anno un incontro di approfondimento operistico a cura del tenore Miro Solman. L’appuntamento “A lezione d’opera”, che si terrà lunedì 17 giugno a Gruaro presso la sede del produttore veneto di porte blindate, chiarirà i significati del Nabucco e anticiperà quanto andrà in scena venerdì 12 luglio nel teatro open air in piazza Grande, a Oderzo.

Sponsor del calendario “Opera in piazza” della cittadina trevigiana, Oikos Venezia rinnova l’apprezzata esperienza della scorsa estate con Il Trovatore e affida ancora all’acclamato Miro Solman l’analisi espositiva del celebre dramma lirico verdiano. Attenzione, curiosità, emozione i sentimenti del pubblico che il tenore saprà sviscerare, forte della passione testimoniata in tutti i teatri del mondo nei suoi 40 anni di carriera.

Continua così, tra le arie del Nabucco, l’impegno di Oikos verso la cultura, l’arte e la bellezza in genere, temi che sono un prolungamento naturale della sua attività produttiva, mai concepita esclusivamente come mero atto economico ma anche, e soprattutto, come opera di sensibilizzazione verso l’importanza dell’estetica e della cultura nel vivere quotidiano. Lo dimostra il suo costante impegno nel rendere design, paesaggistica, architettura, arte e spettacolo dei vasi comunicanti in grado di alimentarsi e arricchirsi reciprocamente per portare il fascino del sapere nella vita di ognuno.

Ne sono un esempio l’evento tenutosi l’anno scorso presso la Scuola Grande di San Rocco a Venezia, in cui Oikos – tra gli spettacolari dipinti del Tiepolo e del Tintoretto –  ha proposto agli architetti intervenuti dei seminari volti ad approfondire il valore di arte, paesaggio ed edilizia con relatori di eccezione quali l’Architetto Stefano Boeri, il critico d’arte Philippe Daverio, la industrial designer Francesca Valan e il Prof. Fabrizio Panozzo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. O, ancora, ne è esempio la collezione “TRACCE DI DESIGN. L’eredità di una storia tutta italiana”, una mostra a cui l’azienda ha affidato il compito di celebrare il design italiano attraverso le riflessioni dell’architetto Giorgio Giuliari e del designer Paolo Lomazzi. L’esposizione di oggetti simbolo del Made in Italy, allestita presso il nuovo show room aziendale e chiamata a testimoniare l’eredità di una capacità creativa tutta italiana, ha cercato di fornire un’idea del contesto storico da cui proveniamo e del patrimonio che abbiamo il dovere di conservare. Un legame, quello con la cultura storica del Made  in Italy, che l’azienda di Gruaro sente vivo condividendone quotidianamente i valori fondanti: creatività, passione, ricerca, innovazione, qualità.

Si inserisce dunque in questo impegno nei confronti dell’arte “A Lezione d’Opera”, un momento di incontro culturale dedicato a conoscere più nel dettaglio la storia e le caratteristiche del Nabucco di Giuseppe Verdi. Un’occasione imperdibile per compiere un altro piccolo passo verso la bellezza della cultura consapevole.