News , , , ,

28 Mag

COMUNICATO STAMPA

Nuovo appuntamento il 26 e 27 settembre con la OIKOS EXPERIENCE, la due-giorni organizzata dal leader veneziano nelle porte di sicurezza per far conoscere la sua identità e rafforzare i legami con i propri clienti.

È stata un’esperienza forte, intensa, l’opportunità offerta da Oikos Venezia ai propri clienti per far conoscere loro l’azienda al di fuori della quotidianità e dai luoghi di produzione già noti. Una due-giorni in cui Oikos ha cercato di porre l’enfasi non tanto sul dato produttivo-economico quanto sull’enorme patrimonio culturale locale che la circonda e la permea, influenzandone l’operato nonché il prodotto finale.

Oikos Experience, che si è svolta con grande successo il 23 e 24 maggio, si ripeterà il 26 e 27 settembre per dare l’opportunità a un maggior numero di persone di vivere da dentro il mondo Oikos. Un evento pensato per pochi, per offrire un servizio di qualità, rafforzare legami già esistenti e, soprattutto, creare solidi rapporti con nuovi o potenziali clienti che ancora non hanno avuto la possibilità di entrare nel suo mondo senza limiti e conoscerne la vera natura.

Da sempre Oikos svolge la propria attività con uno sguardo attento alla cultura. Un termine che non si limita alle nozioni imparate sui libri ma a un’intera filosofia di vita, un modo di vedere il passato da cui proveniamo con uno sguardo aperto, coglierne le influenze sul presente e sul futuro, la capacità di individuare quel filo appena percettibile che collega ogni ambito della vita conferendogli un significato. Design, arte, musica, architettura, paesaggistica, pittura, non sono più materie distinte e isolate, ma parti di un tutto che si influenzano reciprocamente, un patrimonio che ci distingue e determina il nostro stesso modo di pensare, ampliandolo.

Dopo una visita all’innovativo stabilimento produttivo dell’azienda, luogo in cui la tecnologia si fonde in modo inedito e magistrale con l’artigianalità, nel pomeriggio del 23 gli entusiasti ospiti sono stati accompagnati al nuovo spazio espositivo, che meglio di tante parole riesce a esprimere la filosofia aziendale. La prima giornata si è conclusa con un conviviale buffet allestito all’interno dello showroom. Il giorno successivo è stato dedicato alla città di Venezia e alla visita della Fondazione Querini Stampalia, una realtà unica in cui convivono più anime: la biblioteca, il museo, l’architettura contemporanea e il vivace programma di attività culturali che offrono alla città un prezioso luogo d’incontro, di scoperta e di studio. Migliaia di visitatori e di studiosi ogni anno visitano gli spazi della Fondazione attratti dalla bellezza del museo, dall’ambiente settecentesco e dalla fornitissima biblioteca. Dopo aver visitato la mostra temporanea dedicata a un vasto patrimonio d’arte veneziana del Canaletto, Tiepolo e Tintoretto, e ammirato gli interventi architettonici di Carlo Scarpa, Mario Botta e Michele De Lucchi, gli ospiti – con gli occhi e il cuore pieni di bellezze artistiche tutte italiane – sono stati condotti all’auditorium della fondazione, dove si è svolto il saluto conclusivo dopo l’interessante intervento dell’architetto Giorgio Giuliari il quale, rifacendosi alla Collezione Oikos Tracce di Design, ha condiviso con i partecipanti spunti e riflessioni sulla storia del design italiano, in particolare dei grandi brand italiani che hanno collaborato con i maggiori designer del tempo.

Un’esperienza unica, un’esperienza Oikos, che ha aperto le porte verso un mondo ricco di storia e stimoli culturali di cui i suoi prodotti sono impregnati, diventando loro stessi delle particolari opere d’arte, misto di tecnologia e artigianato, modernità e storia, in una combinazione esclusiva che solo un’azienda saldamente inserita nel suo contesto storico-culturale può realizzare. Un’esperienza che il 26 e 27 settembre sarà aperta ad altri fortunati fruitori, che ne usciranno anch’essi più ricchi e consapevoli.