evento , , ,

16 Mar

Il 23-24 aprile 2018, presso la Scuola Grande di San Rocco a Venezia, Oikos abbraccia l’arte condividendo tre momenti culturali con architetti e progettisti di tutto il mondo.

Si svolgeranno nei giorni 23 e 24 aprile 2018, presso la Scuola Grande di San Rocco a Venezia, i tre seminari organizzati dall’azienda. Due giornate dedicate ad approfondire il valore di arte, paesaggio ed edilizia in un contesto di enorme importanza storica e con relatori di eccezione quali l’Architetto Stefano Boeri, il critico d’arte Philippe Daverio, la industrial designer Francesca Valan e il Prof. Fabrizio Panozzo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Durante la due-giorni di incontri, i 700 ospiti professionisti del settore, sia italiani che stranieri, avranno la possibilità di visitare la Scuola Grande di San Rocco accompagnati da una guida specializzata nonché di partecipare agli interventi dei relatori invitati.

L’evento consisterà di tre momenti distinti: il seminario del lunedì pomeriggio sarà alternativo a quello di martedì mattina, a cui si aggiungerà quello del martedì pomeriggio. Preziosi gli argomenti trattati: il profondo legame fra cultura e impresa, ma anche i rapporti tra architettura e management nella progettazione degli spazi (a cura del Prof. Fabrizio Panozzo), il linguaggio del colore nel design e l’importanza del colore stesso per garantire armonia negli ambienti (a cura dell’industrial designer Francesca Valan), il rapporto tra paesaggio e architettura (a cura dell’architetto e urbanista che ha progettato il Bosco verticale di Milano Stefano Boeri), e infine arte e cultura veneziane, patrimonio di importanza non solo locale ma mondiale, a cura del critico d’arte Philippe Daverio.

Ancora una volta Oikos mostra la sua ecletticità e lungimiranza nell’andare oltre il mero concetto di impresa aziendale, riconoscendo l’importanza della cultura, della tradizione, dell’arte e della storia, e offrendo ad architetti e ingegneri la grande opportunità di approfondire le proprie conoscenze in ambiti fondamentali quali il paesaggio, e comprenderne il profondo legame con l’arte e la cultura in genere, ma anche con l’edilizia e l’impresa. Un momento imperdibile che, oltre ad offrire ai professionisti di tutto il territorio nazionale i Crediti Formativi Professionali (CFP), darà loro la possibilità di acquisire nozioni culturali in un contesto dall’inestimabile valore storico.