blog , ,

08 Ott

La pietra naturale protagonista di uno stand che diventa gioiello

Un indescrivibile impatto visivo, un’emozione forte che eleva il pensiero alla bellezza della natura e delle sue rocce, alla consistenza della materia che diventa forma nelle mani di artisti di ogni epoca. E di opera d’arte si è potuto parlare a Cersaie, contemplando l’effetto dell’installazione ospitata nello stand di Oikos.

Non una porta e il suo rivestimento, non la parete di un ambiente espositivo, ma uno spazio vivo, ampio, un progetto architettonico che ha riempito di significato e di valore l’area che ospita il varco che generalmente delimita il dentro e il fuori: la zona ingresso.

Il verde, nelle sue molteplici sfumature, si irradiava in tutte le direzioni riempiendo l’aria di vitalità e colore. Un verde naturale, pieno di venature, ombre e striature cromatiche come solo le pietre naturali di Antolini sanno rappresentare.

Il marmo Irish Green di Antolini ha sapientemente ricoperto di foreste e lussureggiante flora gli ambienti espositivi di Oikos a Cersaie caratterizzandone il soffitto, il pavimento, la parete e la stessa porta blindata ivi integrata. Gli oltre tre metri di altezza di Synua – fornita di sistema di controllo degli accessi Arckey e di maniglione verticale in ferro verniciato realizzato ad-hoc – sono magistralmente diventati gemma preziosa al pari dell’intero contesto visivo.

Pietra naturale Antolini

Ma il massimo si è rivelato all’apertura del bilico verticale, quando l’occhio è stato catturato dalla pietra naturale Corteccia di Antolini: le sfumature screziate di bianco, crema, arancione e marrone della quarzite brasiliana che rivestivano la porta interna, il soffitto, il pavimento e una porzione di parete, creavano pura eccellenza accanto al caldo accogliente del Noce Canaletto, materiale scelto da Oikos per completare l’effetto.

ingresso Oikos con pietra Antolini

La forza della pietra naturale di Antolini, unita alla tecnica e al prodotto Oikos, hanno reso lo stand un habitat unico, spettacolare esempio della potenzialità creativa dei due brand.

Progettata e curata dall’architetto Andrea Laudini, l’esposizione ha così voluto veicolare il messaggio pulsante di Oikos. Un invito a esplorare i confini, a credere nel miglioramento, a creare cose nuove per distaccarsi dall’abitudinario e per dare finalmente valore architettonico e abitativo all’ingresso domestico.

Chi è Antolini

Antolini è leader nella produzione della pietra naturale e avanguardia assoluta del settore.

Mission dell’azienda – fondata nel 1956 e oggi attiva a livello mondiale – è proporre un’ampia selezione di materiali che si contraddistinguano per colori, finiture e motivi unici.

Attingendo con passione ed intuito dalle migliori cave di tutto il mondo, l’azienda propone soluzioni sempre nuove ed esclusive, mettendole al servizio delle menti più creative e degli amanti della bellezza.

Ogni pietra firmata Antolini celebra con le sue cromie la natura, aprendosi a contaminazioni con mondi che non sono solamente i più vicini come quello dell’interior design e dell’arredo, ma anche quelli dell’arte e della moda.

Tra le oltre mille pietre naturali prodotte da Antolini, la Exclusive Stone Collection – della quale fanno parte il marmo Irish Green e la quarzite Corteccia – rappresenta il costante impegno dell’azienda verso i propri clienti e la dedizione nel portare alla luce materiali straordinari.

Corteccia

Le venature del legno si sono marmorizzate dando vita a Corteccia. Materiale esotico di straordinaria intensità, questa pietra naturale presenta uno sfondo bianco valorizzato da accenti di marrone, crema e arancio. Con le sue sfumature e screziature, Corteccia richiama la veste leggera che ricopre gli alberi; un naturale tributo della pietra alla vegetazione che racconta storia e vita attraverso la propria scorza.

La vivida cromia di Corteccia porta calore ad ogni ambiente, entrando in sintonia con qualsiasi essenza scelta per gli arredi, dai toni del caffè o del grigio fino al legno bianco e naturale.

Irish Green

Irish Green è un marmo che magnifica i toni del verde, caratterizzato dalla colorazione non uniforme e da sfumature degradanti dallo scuro al chiaro. Proposto da Antolini, presenta alcune venature tendenti al bianco ed altre di un color mela traslucido che lo rendono un materiale unico al mondo. Questa pietra, geologicamente antica, veniva adoperata dagli architetti del Rinascimento per inondare delle tonalità dei campi e delle foreste gli splendidi palazzi che sono tutt’ora ammirati dai turisti di tutto il mondo.

Grazie alle sue variegate venature, Irish Green consente di realizzare geometrie inedite e rende ogni realizzazione assolutamente unica e irripetibile.